sabato 02 settembre 2017 | San Pellegrino Terme

GROTTE DEL SOGNO

Giornata alla scoperta della Grotta del Sogno al San Pellegrino. 

 

Le Grotte del Sogno, scoperte nell’Aprile del 1931 dal Cav. Ermenegildo Zanchi, sono state le prime Grotte valorizzate turisticamente della Lombardia.

Sono state infatti attrezzate per permetterne le visite mediante la realizzazione di sentieri aerei interni e di una galleria per l’entrata ed una per l’uscita, e dotate di adeguata illuminazione che ne metta in luce i meravigliosi scorci.

Di origine tettonica, le Grotte del Sogno sono costituite da tre pozzi paralleli, impostati su un’unica spaccatura della massa rocciosa (faglia), formatosi circa 60 milioni di anni fa (Era Mesozoica).

Durante le visite è possibile ammirare innumerevoli esemplari di sagome scultoree e di concrezioni dai colori e forme singolari, oltre che di stalattiti e stalagmiti, formatesi con il passare dei secoli.

Visite guidate ogni mezz'ora dalle 15 alle 17, ingresso intero: 4 euro (fino ai 7 anni: gratis // fino ai 12 anni: 2 euro); è consigliata la prenotazione, in caso di maltempo l'apertura alle visite viene sospesa.

Scarica la locandina

Informazioni

Evento segnalato da:
Associazione OTER

  • Associazione Oter: Orobie Tourism Experience of Real 7 giovani, 7 personalità, 7 interessi e la convinzione che entusiasmo e volontà possano portare lontano. Questi sono gli ingredienti che hanno portato alla costituzione dell’ Associazione OTER, un’istituzione che punta a essere un punto di riferimento per il turismo e ambasciatrice del territorio ai piedi delle Orobie, in particolare la Valle Brembana. La Valle Brembana, schiva e taciturna come la sua gente, custodisce con riservatezza e discrezione i suoi incanti, la sua storia e la sua cultura, lontana anni luce dal turismo chiassoso di altre località dell’ arco alpino. Si svela a chi sa cercare, nei borghi antichi, nelle chiese e nei palazzi storici ricchi di opere d’arte, nelle vallate percorse dai torrenti nivali delle montagne e nei gesti degli artigiani tramandati di generazione in generazione. Un patrimonio artistico e ambientale da scoprire attraverso percorsi, iniziative, eventi e pubblicazioni della nostra associazione per un’esperienza concreta e indimenticabile. Mission Coscienti che nelle valle il turismo si deve sviluppare con caratteristiche peculiari per mantenere il delicato equilibrio tra natura e uomo e per interpretare in chiave moderna l’identità di questa terra, vogliamo proporre ai visitatori un facile accesso alle bellezze del luogo e tutte le informazioni necessarie per carpirne il fascino. Dalla natura all’arte, dalla storia alla gastronomia. Vorremmo trasmettere lo stupore di fronte alle opere d’arte, naturali oppure create per mano dell’uomo, e la coesistenza di passato e presente da cui deriva il senso di sospensione che si avverte camminando nei luoghi più caratteristici della valle. Un caleidoscopio di emozioni e colori, in ogni stagione dell’anno e a pochi kilometri dalla città. Attività Nei primi mesi di attività, l’associazione nata nel maggio 2015 si è subito occupata della gestione delle aperture di uno dei simboli dell’arte della valle: il Casinò-Teatro Municipale di San Pellegrino Terme. Periodicamente l’associazione permette di visitare uno degli esempi più belli dell’arte Liberty in Italia, con spiegazioni di carattere storico e artistico. Recentemente San Pellegrino è stata nominata città liberty dell’anno a prova del valore del suo patrimonio. Quattro mila persone, dalle città vicine e dall’estero, hanno deciso di trascorrere un po’ di tempo all’interno del Casinò e di abbandonarsi all’eleganza e alla sontuosità della Belle époque. Durante i mesi estivi abbiamo avviato una proficua collaborazione con il Polo culturale tra Camerata Cornello, San Giovanni Bianco e Dossena per mostrare il Cornello, il Borgo medievale natio della famiglia Tasso e testimone dell’evoluzione della posta in Europa. Non è mancato lo spazio per organizzare eventi culturali al fine di focalizzare l’attenzione su realtà poco conosciute ai più. Come la serata gastronomica all’interno dell’ Ecomuseo di Valleve, la Rasega, per conoscere come avveniva la lavorazione del legno nel passato e la produzione dell’energia elettrica all’inizio del 900. Un altro evento, invece, ha coinvolto i bambini dedicando loro una narrazione della vita di Santa Lucia e del suo culto nei vari paesi europei. Obiettivi Fra i principali obiettivi per il presente e il futuro do OTER: - la gestione dell’ufficio turistico di San Pellegrino Terme, affinché, grazie alla sua posizione centrale, diventi un punto di riferimento per i turisti. Un luogo per avere informazioni, materiale per visitare la valle e idee sempre nuove per tornare a visitarla; - creare una rete di istituzioni e entità presenti sul territorio per migliorare l’offerta di servizi per i turisti e i locali. Una fusione di storia, cultura, natura, sport e gastronomia; - migliorare la comunicazione in modo da incrementare la conoscenza l’offerta turistica del luogo fra il pubblico, sfruttando i mezzi di comunicazione anche con idee originali.
  • http://associazioneoter.com/
  • Tel. 3711465312

Attendi..