giovedì 17 maggio 2018 | Bergamo

L’OTTOCENTO ROMANTICO TRA ECLETTISMO ED ESOTISMO

L'Orto Botanico di Bergamo propone un ciclo di incontri sul tema del rapporto tra arte e natura.

 

L’eterna questione dell’arte che imita la natura o della natura che imita l’arte trova nel giardino il punto di massima sintesi. Il luogo in cui gli elementi all’origine della vita – acqua, aria, terra e fuoco – si compongono nella luce e nei colori. Tanto da non esistere, nella storia del mondo, civiltà che non abbiano prodotto un proprio modello di giardino, tema essenziale della storia culturale dell’umanità nel suo essere lo spazio deputato all’incontro tra natura e artefatto.

L’evoluzione del giardino verrà affrontata in otto incontri con il racconto a tre voci di un botanico, una storica e uno storico dell’arte. In ogni conferenza a un preludio storico-artistico seguirà il rapporto con il territorio orobico e la storia delle piante che hanno caratterizzato ogni stagione dell’evoluzione del giardino.

Ciclo di incontri con  Giovanni C.F. Villa, docente di Storia dell’Arte Moderna presso l’Università degli Studi di Bergamo, Maria Mencaroni Zoppetti, presidente dell’Ateneo di Scienze Lettere e Arti di Bergamo e Gabriele Rinaldi, direttore dell’Orto Botanico di Bergamo.

17/05/2018 – L’Ottocento romantico tra eclettismo ed esotismo
14/06/2018 – Il Novecento, per una nuova espressività

Incontri con ingresso libero e gratuito. E’ gradita la prenotazione al seguente link: https://goo.gl/forms/8KyaXHVbA3QsGDqr2.

 

Scarica la locandina

Informazioni

Evento segnalato da:
Bergamo Avvenimenti

Attendi..